Vera Cruz

Regia di Robert Aldrich

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 9.99
  • Prezzo scontato: € 8.99
  • Sconto: € 1.00 (10%)
Spedizione a 1€ sopra i 25 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
5.0
Spedito normalmente in 10/15 giorni lavorativi (difficile reperibilità)

Dettagli del prodotto

Contenuto

Fuggendo con un carico d'oro rubato al reggimento, un giovane ufficiale sudista ed il suo complice attraversano il confine e finiscono in Messico, proprio nel pieno della rivoluzione, andando così incontro ad una serie infinita di disavventure.

Comprali insieme

Gli utenti che comprano Vera Cruz acquistano anche Soldati. 365 all'alba Regia di Marco Risi € 12.73
Vera Cruz
aggiungi
Soldati. 365 all'alba
aggiungi
€ 21.72

Altri utenti hanno acquistato anche

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Vera Cruz e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 1 recensione)

5.0 I cowboy di Massimiliano

| leggi tutte le sue recensioni

Nel 1954 Robert Aldrich (1918 – 1983) e Burt Lancaster (1913 – 1994) ottengono larghi successi di critica e pubblico con due western, che molto hanno significato nella storia del genere. L’ultimo apache (Apache) è uno dei primi film apertamente dalla parte degli indiani – e di una etnia in genere considerata come la più feroce e indomabile –narrando una vicenda di sopraffazione subita da un guerriero che cerca solo di vivere libero con la propria famiglia. E Lancaster mette tutta la sua maestria d’attore e la sua possanza fisica nel rappresentare l’odissea dell’indigeno Massai. Ma è Vera Cruz ha essere più visto oggi, e per la ricchezza produttiva e per l’originalità della trama, che ha ispirato molti importanti western. Alla fine della guerra di secessione, due avventurieri – uno, impersonato da Gary Cooper, con un suo codice d’onore, l’altro, interpretato da Lancaster, cinico e disposto a tutto - si trovano nel Messico occupato dai francesi. Lo stesso imperatore Massimiliano li ingaggia perché scortino una dama a Vera Cruz. Ma le cose non sono come sembrano. In un crescendo di scontri con i rivoluzionari, intrighi e tradimenti, i due dovranno scegliere da che parte stare. Inevitabile la resa dei conti tra loro, dopo una risolutiva battaglia tra francesi e messicani. Non sono stati solo i pregi formali del film – non va dimenticato l’apporto di Ernest Borgnine, Jack Elam, Charles Bronson – a farne un classico. L’ambientazione messicana, l’intromissione di un elemento esotico – per gli americani, certo – quale i lancieri francesi, l’ambiguità morale dei personaggi sono stati seminali per Sam Peckinpah, Don Segal e Sergio Leone.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti