Si può fare

    Si può fare

    Regia di Giulio Manfredonia

    Prodotto non disponibile
    • € 7.99

    Dettagli del prodotto

    • Ean: 5051891001923
    • Supporto: Dvd
    • Produttore: Warner Home Video
    • Genere: Commedia
    • Regia: Giulio Manfredonia
    • Contenuti extra: dietro le quinte, dietro le quinte (making of), scene eliminate, scene inedite in lingua originale, trailers
    • Lingue: Italiano
    • Colori: Colori
    • Anno di produzione: 2008
    • Area: Area 2 (Europa/Giappone)
    • Durata: 107'
    • Origine: Italia
    • Sottotitoli: Inglese,Italiano per i non udenti
    • Formato Audio: Dolby Digital 5.1
    • Sistema: PAL
    • Nazione: Italia

    Contenuto

    Milano, anni 80. Nello si trova a dirigere una cooperativa di malati mentali, appena dimessi dai manicomi. Si tratta di una sporca dozzina incapace a tutto ma Nello sa scovare i talenti nascosti in questi "scarti della società" e trascinarli alla conquista della luccicante "Milano da bere".

    Voto medio del prodotto:  4 (4.4 di 5 su 8 recensioni)

    4 Bisio è un genio.

    | leggi tutte le sue recensioni

    Divertente e piacevole, offre numerosi spunti di riflessioni. L'impegno di una coperativa sociale al servizio di una società diffidente e marcata di forti pregiudizi. La brillante interpretazione di Bisio è evidente fin da subito, nei panni di un uomo che trova realizzazione di se stesso nella riuscita di un progetto difficile e gratificante allo stesso tempo. La collaborazione con la malattia mentale, incompresa e giudicata fin da subito, è in relatà un motivo di crescita personale.

    Ritieni utile questa recensione? SI NO

    5 Se si vuole ridere e riflettere...

    | leggi tutte le sue recensioni

    Un ottimo film di un ottimo Bisio. Un salto nell'Italia post-Basaglia che ci mostra le problematiche della chiusura dei "manicomi" e la nascita delle coperative sociali per dare una possibilità di lavoro ai malati psichiatrici. Il film fa ridere e scorre veloce lasciando comunque spazio per porsi domande.

    Ritieni utile questa recensione? SI NO

    5 Si può fare

    | leggi tutte le sue recensioni

    Film che tratta un tema delicato come quello dei "malati di mente" considerati inutili per la società e tenuti rinchiusi come a negare la loro presenza. Quando hanno iniziato a scorrere i titoli di coda ho pensato subito a questo detto: "ridendo e scherzando si dice la verità", sì perché seppur raccontata in modo leggero (nel significato più nobile del termine) e ironico questa pellicola riesce a trasmettere un messaggio di forza e allo stesso tempo una denuncia su come determinate persone vengano date per scontate senza aver dato loro nemmeno una reale possibilità. I pazienti dei manicomi rappresentano un capitolo buio nella nostra società ma con questo film, che tratta una storia vera, è stata data loro una nuova luce e dignità.

    Ritieni utile questa recensione? SI NO

    4 Una commedia non esilarante

    | leggi tutte le sue recensioni

    C. Bisio non è assolutamente da considerare semplicemente conduttore di Zelig: è un attore multiforme e questo film lo dimostra. Non è la commedia esilarante che ci si potrebbe aspettare da un attore comico come lui; piuttosto un racconto realistico di quelle comunità cooperative nate con l'avvento della legge 180, quella che prevede la chiusura dei manicomi. Bisio è circondato da attori altrettanto bravi nel ruolo di malati di mente depressi e demotivati per un film che lascia un po' d'amaro in bocca e qualche riflessione su leggi e istituzioni.

    Ritieni utile questa recensione? SI NO

    5 Utopia non troppo lontana!

    | leggi tutte le sue recensioni

    "Si può fare": titolo decisamente appropriato! E' un film molto divertente che affronta un tema delicato e più che mai attuale come quello della disabilità in modo ironico e appassionante! Lavoro in un centro diurno per malati mentali... E in ognuno dei personaggi ho ritrovato i miei "ragazzi"! In modo molto originale il film va a descrivere la situazione italiana dopo la chiusura dei manicomi e la nascita delle prime cooperative sociali... Il film ti lascia qualcosa dentro, ti lascia molti dubbi, molte perplessità riguardo al modo di considerare i disabili e i malati mentali, ma al tempo stesso ti dona nuovi occhi per vederli in modo diverso, per apprezzarli e per amarli così come sono, coi loro limiti, con le loro incertezze, paranoie e con le loro meravigliose abilità!

    Ritieni utile questa recensione? SI NO

    Leggi anche le altre recensioni su Si può fare (8)