Moneyball. L'arte di vincere

Regia di Bennett Miller

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 6.99
  • Prezzo scontato: € 4.90
  • Sconto: € 2.09 (30%)
Spedizione a 1€ sopra i 25 euro! (Scopri come)
Spedito normalmente in 2/3 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

  • Ean: 8013123038555
  • Supporto: Dvd
  • Produttore: Universal Pictures
  • Genere: Drammatico
  • Regia: Bennett Miller
  • Attori: Brad Pitt, Chris Pratt, Jonah Hill, Philip Seymour Hoffman, Robin Wright, Stephen Bishop
  • Contenuti extra: dietro le quinte, dietro le quinte (making of), documentario, errori, errori / bloopers / gag, scene eliminate, scene inedite in lingua originale, speciale
  • Lingue: Inglese,Italiano
  • Colori: Colori
  • Anno di produzione: 2011
  • Area: Area 2 (Europa/Giappone)
  • Durata: 133'
  • Sottotitoli: Danese,Finlandese,Inglese,Italiano,Norvegese,Svedese
  • Formato Audio: Dolby Digital 5.1
  • Sistema: PAL
  • Nazione: Stati Uniti

Contenuto

Billy Beane voleva diventare un eroe del baseball ma, dopo numerose delusioni e fallimenti sul campo, decide di rivolgere la sua forte natura competitiva al management. Durante la stagione 2002, Billy si trova ad affrontare una difficilissima situazione: la sua squadra, la Oakland A's ha perso (nuovamente) i giocatori migliori che passano a club più importanti dietro offerta di salari enormi: Billy è costretto, quindi, a ricostruire la sua squadra avendo a disposizione un terzo della busta paga per i suoi giocatori. Deciso a vincere, Billy cerca di cambiare il sistema e sfida le regole fondamentali del gioco. Cerca la soluzione al di fuori del mondo del baseball, studia le teorie ormai abbandonate di Bill James e ingaggia Peter Brand, un intelligente economista. I due mettono insieme saggezza e volontà di esaminare ogni dettaglio grazie ad analisi statistiche computerizzate ignorate completamente dalle organizzazioni del baseball. Così facendo, arrivano a conclusioni che sfidano ogni tipo di immaginazione e ricercano giocatori dimenticati dal mondo del baseball o perché troppo strani, o perché venivano considerati già vecchi, o avevano subito infortuni o avevano creato troppi problemi. Nonostante tali caratteristiche, però, questi ragazzi posseggono ancora grosse capacità sottovalutate dagli altri.

Forse ti potrebbe interessare anche

Ultimi prodotti visti