Una vita tranquilla

Regia di Claudio Cupellini

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 7.99
  • Prezzo scontato: € 6.90
  • Sconto: € 1.09 (14%)
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.0
Spedito normalmente in 2/3 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

Contenuto

Rosario Russo ha poco più di cinquanta anni. Da dodici vive in Germania dove gestisce, insieme alla moglie Renate, un albergo ristorante. La sua vita scorre serena: ha un bambino, un aiuto cuoco che è anche un amico, e molti progetti per il futuro. Un giorno di febbraio, però, tutto cambia. Nel ristorante di Rosario arrivano due ragazzi italiani. Uno si chiama Edoardo ed è il figlio di Mario Fiore, capo di una delle più potenti famiglie di camorra. L'altro si chiama Diego, e Rosario lo riconosce subito, anche se non si vedono da quindici anni... Da quando Rosario si chiamava Antonio De Martino ed era uno dei più feroci e potenti camorristi del casertano. Allora si era fatto credere morto e si era ricostruito una nuova vita all'estero. I due ragazzi arrivano su mandato della camorra. E la vita tranquilla di Rosario Russo prende una piega imprevedibile e drammatica.

Comprali insieme:

Gli utenti che comprano Una vita tranquilla acquistano anche Ferie d'agosto Regia di Paolo Virzì € 7.99
Una vita tranquilla
aggiungi
Ferie d'agosto
aggiungi
€ 14.89

Voto medio del prodotto:  4.0 (4.1 di 5 su 7 recensioni)

4.0 Una vita tranquilla (dopo)

Rifarsi una vita non è così facile. Se ne accorge il protagonista (un Toni Servillo impeccabile) che, ormai acclamato cuoco in Germania, viene raggiunto dal figlio che è invece ancora legato al mondo della malavita. Non sarà facile redimere anche lui. Film molto intenso e duro, bellissimo comunque. Scene di un'intensità notevole, anche se rarefatta. È l'opera secondo del regista Cupellini, il quale, dopo la commediola "Lezioni di cioccolato", decide di misurarsi con temi molto difficili e delicati. E ci riesce bene. Da vedere.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

3.0 Una vita tranquilla, fuori dalla Camorra

Un film ben fatto e ben interpretato da un impeccabile Tony Servillo nei panni di un ex capo camorrista fuggito in Germania, dove, sotto falsa identità, si rifarà una vita. Una vita tranquilla, appunto, dove diventerà gestore di un Ristorante italiano e si rifarà una famiglia. Bel film, tecnicamente impeccabile. La suspence non manca. L'azione arriva quando serve. Un film drammatico, dalle grandi aspettative, che ci ricorda che, una volta entrati nella Camorra, non se ne può uscire, se non in un modo...
Bel film, con un finale però troncato.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 Inaspettatamente bello

E chi se lo aspettava? Non conoscevo questo regista, mi sono visto il film perchè Tony Servillo è una certezza, infatti, non sbaglia un colpo. E' un noir, ambientato in Germania, con protagonisti italiani trapiantati lì, ma legati ancora all'Italia...
La trama è originale, i dialoqui pochi e buoni (come si conviene ad un noir), l'intreccio dei personaggi credibile. Buona suspence per tutta la durata, che rimane costante fino all'epilogo. Non trovo miglior giudizio che... Bello.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 Una vita tranquilla

Ormai i film con l'attore Toni Servillo sono garanzia di ottima qualità e questo film di Claudio Cupellini non è altro che l'ennesima conferma. Oltre al grande talento di Servillo, in questo film, c'è anche una storia che appassiona moltissimo. Una storia che si basa sulla disperata voglia di cancellare il proprio passato e costruirsi "una vita tranquilla" ma non è facile, per niente!

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Tinte fosche

Una grande interpretazione di Tony Servillo fa da sostegno a questo film dalle tinte fosche, amaro, difficile. Chi non ha mai pensato di mollare tutto e tutti e iniziare una nuova vita, magari all'estero? Qui si è costretti a farlo, per scampare da una morte certa. Ma spesso, il passato ti viene a cercare quando meno te lo aspetti...

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Impegnativo ma appassionante

Ho due pareri discordanti su questo film. Uno è il frutto dei miei pregiudizi sui film così lenti e riflessivi. E l'altro, beh...ciò che ho pensato dopo averlo visto: non male. Affatto. Anzi, nonostante l'abbia trovato a tratti pesante, mi sono lasciata coinvolgere dalla storia, ricca di segreti da difendere a tutti i costi e misteri infine svelati.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Si può fuggire da se stessi?

Ci si può lasciare davvero il passato alle spalle e ricominciare un'altra vita? E fino a che punto le colpe dei padri ricadono sui figli? Sono questi gli interrogativi che pone questo bel film di Cupellini, trascinato da una straordinaria interpretazione di Tony Servillo, che si conferma uno dei migliori attori italiani in circolazione. Come si può reagire quando il passato prepotentemente ritorna e chiede il saldo dei conti lasciati sospesi? Un viaggio all'interno dei meandri più profondi e oscuri dell'animo umano, in cui i sentimenti entrano in guerra tra loro, e in cui ad ogni azione segue una conseguenza, prima o poi. E con un sottile messaggio finale: non si può fuggire da se stessi.

Ritieni utile questa recensione? SI NO