L' uomo di vetro

Regia di Stefano Incerti

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 6.50
  • Prezzo scontato: € 4.90
  • Sconto: € 1.60 (25%)
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.0
Spedito normalmente in 2/3 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

Contenuto

La storia vera di Leonardo Vitale, il primo pentito di mafia che decise di rompere il muro di omertà che impediva alla magistratura di penetrare il sistema mafioso. Vitale pagò questa scelta con il carcere, il manicomio giudiziario e poi con la vita, dato che la mafia, una volta tornato in libertà non esitò ad assassinarlo.

Altri utenti hanno acquistato anche:

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su L' uomo di vetro e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 3 recensioni)

4.0 Struggente per una mamma

La drammatica vicenda realmente accaduta di un uomo fragile che è cresciuto sotto l'influsso della cristianità e dello zio mafioso. Salvatore Vitale è il protagonista di questa storia struggente che è un racconto dell'antimafia e che fa commuovere chi, come me, è una mamma. Perché la mamma di Salvatore, in questo film, ad un certo punto dovrà scegliere tra l'avere un figlio vivo e "pazzo" od un figlio eroe, sano, ma morto.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Lo Stato dimentica, la mafia no

La vera tragica storia del primo pentito di mafia. David Coco ci regala un'interpretazione straordinaria, vestendo i panni dell'uomo che per primo si fidò dello Stato e osò rinnegare Cosa Nostra. A costo, oltre che della libertà, della vita. Perché lo Stato lo ha snobbato, lo ha rinchiuso in un manicomio e lo ha dimenticato. La mafia, ahimè, invece non dimentica. Mai.
Film egregio, che meriterebbe maggiore diffusione.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 La drammatica storia di Leonardo Vitale

Questo film narra la drammatica storia personale di Leonardo Vitale, il primo vero ed unico pentito di mafia che ci sia stato.
Una storia vera di un uomo che, sotto l'influenza religiosa, deciderà spontaneamente di raccontare tutte le sua vicende di uomo d'onore che lo portarono ad affiliarsi a Cosa Nostra, menzionando nomi e cognomi degli appartenenti. Alla luce di tutte queste novità, i giudici non gli crederanno, o non vorranno credergli, facendolo passare per pazzo e rinchiudendolo, di conseguenza, in manicomio.
Un film vero e drammatico. Ben riuscito. Peccato non abbia avuto il successo meritato ai botteghini.

Ritieni utile questa recensione? SI NO