Un uomo, una donna

Regia di Claude Lelouch

  • Prezzo: € 13.49
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
3.0
Prodotto non disponibile

Dettagli del prodotto

  • Ean: 7321958162729
  • Supporto: Dvd
  • Produttore: Warner Home Video
  • Genere: Drammatico
  • Regia: Claude Lelouch
  • Attori: Jean Louis Trintignant, Anouk Aimée, Pierre Barouh, Valérie Lagrange
  • Contenuti extra: trailers, documentario, dietro le quinte (making of)
  • Lingue: Italiano
  • Colori: Colori
  • Anno di produzione: 1966
  • Area: Area 2 (Europa/Giappone)
  • Durata: 105'
  • Vietato: 14 anni
  • Sottotitoli: Italiano, Inglese, Francese, Arabo, Olandese, Rumeno, Italiano per non udenti, Inglese per non udenti
  • Formato Audio: Dolby Digital 1.0 - mono
  • Sistema: PAL
  • Nazione: Francia

Contenuto

Anne e Jean-Luc sono due vedovi che si incontrano per caso. Cominciano a frequentarsi ma lei è ancora fresca del ricordo del marito, un uomo eccezionale. Lui continuerà a corteggiarla con tenerezza fino a quando tra i due nascerà un nuovo amore. Il film ha avuto un seguito nel 1986.

Altri utenti hanno acquistato anche:

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0 L'amore secondo i francesi.

La passione tra due vedovi benestanti procede in un'alternanza di abbandoni e rincontri scanditi dalla colonna sonora di Francis Lai e dalla fotografia del regista Claude Lelouch. "Un uomo, una donna" è un film che racconta l'amore in una versione nazionalista alla francese, ma non senza grandi virtuosismi di puro talento. Ci sono forti propensioni al melodramma, ma là dove il miele sembra danneggiare la storia, ecco Trintignant e l'Aimée che riescono a salvare il tutto dimostrandosi padroni indiscussi della scena. Gli spettatori ne escono, appunto per questo, affascinati, ma ancor di più i romantici, che trovano guardandolo, un cult da amare. Accattivanti le musiche, suggestive le immagini, eccellente la direzione degli attori. Insieme all'Oscar come miglior film straniero e per la miglior sceneggiatura originale, avrebbe dovuto vincere anche quello per miglior attrice al posto di Elizabeth Taylor, che vagava a vuoto in "Chi ha paura di Virginia Woolf"?.

Ritieni utile questa recensione? SI NO