Tenebre

Regia di Dario Argento

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 6.50
  • Prezzo scontato: € 4.90
  • Sconto: € 1.60 (25%)
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.0
Spedito normalmente in 2/3 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

Contenuto

Ispirandosi ad un romanzo, un maniaco uccide alcune donne accusate di colpe infamanti. Lo stesso scrittore indaga sull'omicida.

Comprali insieme:

Gli utenti che comprano Tenebre acquistano anche Rabid, sete di sangue (Blu-ray) Regia di David Cronenberg € 14.99
Tenebre
aggiungi
Rabid, sete di sangue (Blu-ray)
aggiungi
€ 19.89

Prodotti correlati:

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Tenebre e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 3 recensioni)

3.0 Efferato sadismo

Ritorno al thriller per Dario Argento, ma con evidenti influssi horror negli omicidi, quantomai efferati e violenti. Il sadismo dell'assassino colpisce alla luce del giorno (a dispetto del titolo) e non riparmia nessuno. Nel cast, oltre a Anthony Franciosa e Giuliano Gemma, troviamo Daria Nicolodi, Veronica Lario (celebre, quanto censurata dalle reti del suo futuro (ex) marito, la scena in cui fa una brutta fine) e persino Eva Robin's.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Ritorno al thriller

'Tenebre' è fra i più violenti film di Dario Argento: vi sono ben 12 omicidi e due assassini all'opera. Dopo gli horror soprannaturali 'Suspiria' e 'Inferno', il regista romano ritorna al thriller, esibendosi in virtuosismi tecnici e spiazzando lo spettatore con una serie di azzeccati colpi di scena. Tra gli interpreti spiccano l'americano Franciosa nella parte dello scrittore Peter Neal e il nostro Giuliano Gemma in quello del poliziotto Germani.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 Tenebre scintillanti prima del declino

Dopo Inferno, Argento torna al primo amore, il giallo, stavolta particolarmente complicato in quanto gli assassini sono addirittura due, uno dei quali muore a metà del film. Film che, a dispetto del titolo, si svolge in ambienti assolati, pieni di luce, vedasi l’assassinio di John Saxon in pieno sole all’aperto. Le tenebre, con un giochino un po’ scontato, sono ovviamente quelle della mente.In effetti, Argento non ci fa mancare niente, dagli omicidi particolarmente efferati, alle ossessioni sessuali, feticistiche. E’ l’ultimo grande film di Argento prima che iniziasse la parabola discendente, strepitoso dal punto di vista tecnico (vedi la super citata sequenza con la Louma della casa delle lesbiche). Da notare la presenza dell’ineffabile Veronica Lario, in una delle sue ultime apparizioni, prima che, come dice Daria Nicolodi in un documentario, “sposasse quel tanghero di Berlusconi”. La scena in cui viene macellata alla fine del film è una delle più censurate, mai vista nei passaggi televisivi. Da vedere assolutamente.

Ritieni utile questa recensione? SI NO