Sissi (2 Dvd)

Regia di Xaver Schwarzenberger

  • Prezzo: € 14.99
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
3.0
Prodotto non disponibile

Dettagli del prodotto

Contenuto

La giovane Elisabetta di Baviera, passata alla storia come l'imperatrice Sissi, la storia di un incontro e di un amore con Franz Joseph d'Asburgo, che cambia repentinamente il destino dei due. Ma anche la storia di una ragazza dalla bellezza selvaggia, dal carattere forte e ribelle, sfrontata e moderna, costretta dalla Storia e dall'amore a diventare rapidamente donna, moglie, madre e imperatrice.

Altri utenti hanno acquistato anche:

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Sissi (2 Dvd) e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.0 (2.8 di 5 su 5 recensioni)

3.0 Fiction noiosa

Ero impaziente di vedere una nuova versione di Sissi ma ne sono rimasta delusa. La storia non mi ha presa particolarmente e l'attrice che interpreta Sissi è di una noia quasi quanto Kristen Stewart (Bella nella saga Twilight). Ha pochissime espressioni e sembra sempre triste. Il personaggio di Sissi è così questo è vero, però inizialmente sarà stata felice e l'attrice non riesce a "distaccare" questi momenti: anche quando è felice, ha sempre una espressione triste che non deriva dal ruolo ma da lei stessa. Forse un altra attrice avrebbe reso più gradevole e movimentata questa versione. Inoltre, ancora una volta ci viene rappresentata una Sissi sbagliata e per un lasso di tempo sempre uguale. Mai una volta che facessero una versione che inizia con la sua nascita e finisce con la sua morte condita con delle buone rappresentazioni senza parafrasare e dividere i "cattivi" dai "buoni", i "carnefici" dagli "innocenti". Sissi non è stata una santa (così come l'arciduchessa Sofia e Franz), eppure continuano a rappresentarla come una vittima e basta. Ha fatto i suoi sbagli, è stata egoista, ha avuto i suoi dolori e gioie anche lei e quindi va rappresentato "tutto" il pacchetto completo. Per quanto possa essere più fedele questa rappresentazione, continuo a preferire la trilogia con Romy Schneider. Le varie vicende, come scritto precedentemente, sono abbastanza veritiere anche se con qualche variazione e "romanticismo" aggiunto. I vestiti non mi sono piaciuti moltissimo benchè abbiano fatto attenzione a ciò. Consiglio la visione ma senza avere aspettative.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 La principessa sissi

A me non è dispiaciuto questo ennesimo film sull'indimenticabile principessa Sissi. Hanno reso la sua storia molto moderna, ma trovo che questo non abbia fatto perdere nulla alla storia, se non avvicinarla ancora di più ai nostri giorni. Ho trovato meravigliosa la Capotondi nel ruolo della principessa, secondo me si è adattata alla perfezione. Di certo non è il miglior film che abbiano girato su Sissi, ma a me è piaciuto lo stesso. Consigliato!

Ritieni utile questa recensione? SI NO

2.0 Drammone deludente

Tra dialoghi evidentemente ispirati allo stile di Federico Moccia e litigi e recriminazioni tristemente simili a quelli di una sceneggiata napoletana, il film è tutto da rifare. A salvarlo dal completo disastro solo gli splendidi costumi e la colonna sonora di Pino Donaggio. Ancora acerba ma già abile la Capotondi, promette bene per il futuro.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

3.0 Quasi quattro

Quasi quattro stelle per questa fiction di produzione italo-tedesca-austriaca, con protagonista la giovane e brava Cristiana Capotondi nei panni di Elisabetta di Baviera, meglio conosciuta col nome di Sissi. Meno smielato della saga di Ernst Marischka.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

2.0 Bello sì

Ma si poteva fare di meglio.
La cosa che mi ha dato più fastidio, se così si può dire, è che questo film è ambientato in Austria e Ungheria e, visto che si tratta di due stati europei, gli sceneggiatori avrebbero dovuto pensare che sono anche facilmente raggiungibili dal pubblico italiano, per cui non mi spiego proprio perché si è dovuto spacciare uno dei musei di Vienna (quindi un bel palazzo storico) per il palazzo del governo ungarico.
Uno scivolone non da poco in un'opera che vanta, innanzitutto, la fedele ricostruzione del periodo storico.
Poteva essere un ottimo prodotto e, invece, non riesce a staccarsi l'etichetta, questa volta infamante, di fiction: la storia è troppo romanzata, tanto da apparire irreale.
Il livello, poi, dei film con la Schneider non è nemmeno lontanamente raggiunto.

Ritieni utile questa recensione? SI NO