Nuovo cinema Paradiso

Regia di Giuseppe Tornatore

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 9.99
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.5
Spedito normalmente in 4/5 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

Contenuto

Un famoso regista torna nel suo paese natale in Sicilia dopo trent'anni. I luoghi della sua infanzia gli riportano alla memoria il Cinema Paradiso, il proiezionista Alfredo, che gli ha trasmesso la passione per i film, e il suo primo amore.

Comprali insieme:

Gli utenti che comprano Nuovo cinema Paradiso acquistano anche Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve Regia di Felix Herngren € 9.89
Nuovo cinema Paradiso
aggiungi
Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve
aggiungi
€ 19.88

Voto medio del prodotto:  4.0 (4.3 di 5 su 8 recensioni)

5.0 Emozionante e tenerissimo.

Sebbene la trama sia inventata, il film rappresenta una realtà, quella di un epoca e di una terra, in cui ci si può ancora oggi identificare. Di certo si identifica nella vicenda quella generazione che ha vissuto in Sicilia in quegli anni la propria giovinezza e che non potrà non emozionarsi nel vedere quelle scene che, in qualche modo, sopravvivono nell'immaginario e nei ricordi di chi lì ha vissuto ed è cresciuto.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

1.0 Deludente

Film da OScar ma personalmente mi sembra un polpettone melodrammatica molto poco convincente... Non si capisce come un ragazzino che a quanto pare non sia nemmeno andato a scuola perchè lavorava in un piccolo cinema di paesa abbia potuto diventare un grande regista. L'incontro del primo amore ormai sfiorito strappa un sorriso perchè viene in mente il tempo delle mele... Da vedere se non si ha altro da fare

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Avvincentemente tenero

Giuseppe Tornatore conquista l'Oscar come miglior film straniero con questo film (premiato anche al Festival di Cannes). Auto-biografico o quasi, opera seconda, è l'apoteosi del cinema di 'quando eravamo' , prima dell'era delle televisione che tutto inghiotta e livella. Philippe Noiret indimenticabile, ma chi non ricorda lo sguardo senza tempo del bimbo che aiuta l'operatore cinematografico interpretato dal grande attore francese ?

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 Film da lasciare senza parole

Ecco questo è uno di qeui film che rivedrei per ore e ore senza stancarmi. E uno di quei pochi film che mi ha fatto commuovere e allo stesso tempo divertire soprattutto per la simpatia del bambino protagonista che poi diventerà grande e l'ironia del vecchio. Un capolavoro assoluto che solo un grande regista come Giuseppe Tornatore poteva mettere in piedi. Complimenti.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 CAPOLAVORO

Questo è uno di quei film che giudico un capolavoro cinematografico. Le sensazioni che trasmette questo film sono tantissime fino a suscitare nello spettatore qualche lacrima. L'amore per un mestiere che si è visto fare fin da bambino, l'amore per una donna, gli affetti che si lasciano quando si è costretti ad allontanarsi dalla propria casa... Disgrazie improvvise... Insomma parecchi gli argomenti per essere spunto di riflessione e per essere visto anche in famiglia.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 Molto di più

Se si potesse dare un voto più alto di cinque per il gradimento nei confronti di questo capolavoro lo farei. Ma sarebbe comunque poco per un film che definire bello sembra ed è riduttivo. La storia narrata dalle riprese di Tornatore non è solo una storia d'amore, ma è anche la storia di un popolo, del cambiamento della società, del progresso e dell'intramontabile necessità tipicamente italiana del "ritorno alle origini".

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Un grande film italiano

Un viaggio nella memoria di un regista, nelle varie fasi attraversate dal cinema italiano; un rapporto di filiazione indiretta e una perfetta fotografia di cosa fu l'Italia democristiana. Commovente.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 Commovente Capolavoro

Un film sensazionale, commovente e di superba bellezza.
Un magistrale Tornatore dirige un film in cui i riferimenti autobiografici non sono stati pochi.
La storia è ambientata in un piccolo ed immaginario paesino della Sicilia ed è la storia di un bambino Salvatore (Totò) con la passione per il cinematografo e della sua amicizia con Alfredo vecchio macchinista dell'unico cinema di paese. Un'amicizia improbabile ma vera sincera che continua negli anni e che si rivela fondamentale per Salvatore è solo grazie agli stimoli di Alfredo che egli raggiungerà il suo sogno. Il finale è da pelle d'oca, gli ultimi tre minuti fanno scendere le lacrime.
Lo consiglio vivissimamente.
Un capolavoro non solo della cinematografia italiana ma anche di quella mondiale

Ritieni utile questa recensione? SI NO