Io e Caterina

Regia di Alberto Sordi

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 6.50
  • Prezzo scontato: € 5.26
  • Sconto: € 1.24 (19%)
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.0
Spedito normalmente in 2/3 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

Contenuto

Enrico Menotti in difficoltà con moglie, amante e cameriera, decide di liberarsi di tutte e tre le donne sostituendole con un robot di nome Caterina, perfetta inserviente che obbedisce senza mai protestare. Ma quando Enrico invita a casa sua un'avvenente nuova fiamma, scatenerà nell'insensibile robot una catena di sentimenti molto umani.

Altri utenti hanno acquistato anche:

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Io e Caterina e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 3 recensioni)

5.0 Interessante

Commedia che al di là delle gag affronta un problema serio come quello del rapporto uomo-donna e uomo-macchina. Ricordo di aver visto il film anni fa e non m iera piaciuto, l'ho rivisto pochi giorni fa e invece è stata una bella riscoperta. Se vi càpita, guardatelo, vi farà riflettere dopo avervi strappato qualche risata amara

Ritieni utile questa recensione? SI NO

3.0 La donna perfetta

Il film riflette sul desiderio di avere in casa una moglie efficiente nonché priva dei tipici difetti femminili. Il protagonista del film si procura allora una moglie robot che però all'improvviso diventa gelosa e dispettosa. Film non eccezionale ma comunque abbastanza carino, in cui Sordi si cimenta con un soggetto grottesco e surreale. Leggero e originale.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Classico

Un classico della commedia italiana, con un Alberto Sordi che, nella veste, oltre che di attore, di regista, sapeva sempre toccare temi di una certa delicatezza, proponendoli a un pubblico vasto, grazie alla sua semplicità e leggerezza: qui si parla di un eccesso di disumanizzazione, arrivando a sostituire l'umanità con i robot: un film in cui si ride meno che negli altri, ma in cui si rivela un Sordi critico verso gli eccessi futuristici.

Ritieni utile questa recensione? SI NO