Giù la testa

Regia di Sergio Leone

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 9.99
  • Prezzo scontato: € 8.09
  • Sconto: € 1.90 (19%)
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
3.5
Spedito normalmente in 4/5 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

Contenuto

Un bandito messicano si unisce ad un irlandese per rapinare una banca non sapendo che quest'ultimo combatte per la causa della rivoluzione messicana.

Altri utenti hanno acquistato anche:

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Giù la testa e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 3 recensioni)

5.0 Giù la testa!

Donando anche tratti di ironia, Leone si spostò dal mito del bounty killer e del dollaro alla contestazione e alla presa di coscienza della rivoluzione, mettendo in risalto un nuovo elemento: il messicano. Particolarissima l'unione di un irlandese e di un messicano, che si daranno man forte, uno continuando il sogno di libertà che aveva tentato nel suo paese d'origine - martoriato anch'esso dalla rivoluzione - l'altro scoprendo il valore dell'amicizia e dell'impegno.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

3.0 Una rivoluzione poco riuscita

Idea e soggetto erano di Sergio Leone (1929-1989), ma il regista aveva già testa rivolta al film della sua vita - quel C'era una volta in America che lo impegnerà per troppi anni sino a logorarlo e si pensò di affidare l'impresa a Sam Peckinpah. Ma la produzione, spaventata dall'idea di avere a che fare con l'irascibile Sam, alla fine si rimise nelle mani di Leone. Ne uscì un film di affascinante imperfezione, che il pubblico non gradì. Riuscito sia quando si tratta di orchestrare grandi scene d'azione con masse in campo che nel tratteggiare le figure di contorno (c'è un Romolo Valli da urlo nei panni del traditore) , è però troppo schematico nella descrivere la dialettica tra i personaggi principali. Colpa di una sceneggiatura passata per troppe mani, ma anche di Rod Steiger, che nella parte del peone rivoluzionario suo malgrado gigioneggia un po' troppo. Ma neppure il più misurato James Coburn convince. Probabilmente, sarebbero andati meglio gli attori scelti in origine Eli Wallach e Malcon McDowell e poi scartati perché giudicati not marketable. Ma probabilmente è soprattutto colpa dello scorrere del tempo. Nel 1971 Leone non aveva più nulla da dire sul west, e lo sapeva perfettamente. Purtroppo, il destino gli impedì di intraprendere sino in fondo un nuovo cammino.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

3.0 Giù la testa c...

L'ultimo western diretto da Sergio Leone, seppur molto diverso dai "classici" della trilogia del dollaro. Una pellicola intensa e avventurosa sullo sfondo della rivoluzione messicana.

Ritieni utile questa recensione? SI NO