Fantozzi 2000, la clonazione

Regia di Domenico Saverni

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 7.99
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
3.0
Spedito normalmente in 4/5 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

Contenuto

Il ragionier Fantozzi viene clonato e riportato in vita dal megapresidente della ditta in cui lavorava, che gli affida l'incarico di sorvegliare il proprio figlio, pecora nera della famiglia. Seguito di "Fantozzi" 1975.

Comprali insieme:

Gli utenti che comprano Fantozzi 2000, la clonazione acquistano anche Fantozzi il ritorno Regia di Neri Parenti € 7.11
Fantozzi 2000, la clonazione
aggiungi
Fantozzi il ritorno
aggiungi
€ 15.10

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 3 recensioni)

2.0 Torna Fantozzi

Con l'immancabile basco e la mitica bianchina.
Ma gli anni sono passati anche per lui e si sente, oh, come si sente o, meglio, si vede!
La prima volta che ho visto questo film sono rimasta molto delusa dall'episodio iniziale: gag stupide, banali, forzate che non avevano nulla a che fare con quella che è la tradizione di questa saga; le battute che, invece, riuscivano a strappare un sorriso stiracchiato erano ripetitive, qualcosa di già sentito, estratte direttamente dai film di Fantozzi dei tempi d'oro.
La parte con i bambini, poi, non l'ho proprio capita: gli sceneggiatori di questo film volevano rendere il personaggio di Fantozzi più "tenero"; volevano attirare la simpatia anche dei telespettatori più piccoli (altamente improbabile visto il resto del film) ; o, semplicemente, non sapevano più cosa inventarsi e hanno ripescato qualcosa (anche! ) dai film di Villaggio alle prese con bambini in età scolare?
L'episodio sul Superenalotto, invece, oltre che essere qualcosa di originale risulta anche molto divertente (la Mazzamauro è strepitosa più che mai) . E' ben studiato, come ai vecchi tempi, in cui le vicende di Fantozzi altro non erano che una feroce critica dei tempi moderni, ed è grazie a questa parte centrale del film che non boccio completamente questa pellicola.
L'episodio incentrato su Ughina si lascia guardare, ma non è niente di eccezionale, non vi aspettate troppo. L'interprete della nipote di Fantozzi, poi, fa rimpiangere amaramente Plinio Fernando!
Villaggio stesso, mi duole ammetterlo, non è perfettamente calato nella parte, quasi fosse stufo di interpretare Fantozzi. L'ultima parte del film è ispirata (per non dire spudoratamente copiata) alla seconda pellicola della serie: peccato che, chi ha scritto questo copione, non ha pensato che il confronto sarebbe stato impietoso.
Per essere l'ultimo film della saga avrebbero potuto fare di meglio.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 ughina fenomenale!

il megapresidente, dopo la morte del fedele fantozzi è scocciato dai modi altezzosi e fieri dei nuovi dipendenti, ricondando i vecchi tempi e la vera classe lavorativa che strisciava hai suoi piedi, riporta in vita mediante clonazione il rag.fantozzi

Ritieni utile questa recensione? SI NO

3.0 Il ritorno di Fantozzi

Ritorna un Fantozzi servizievole, ubbidiente e sottomesso a farci divertire con la Pina, la signorina Silvani, la nipotina e tutte le disavventure del povero ragioniere.
Un'altro film divertente con il nostro Paolo Villaggio.

Ritieni utile questa recensione? SI NO