Il divo

Regia di Paolo Sorrentino

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 9.99
  • Prezzo scontato: € 7.09
  • Sconto: € 2.90 (29%)
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.5
Spedito normalmente in 4/5 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

Contenuto

Agli inizi degli anni novanta, Giulio Andreotti avanza inarrestabile verso il settimo mandato come Presidente del Consiglio. Andreotti, uomo freddo e imperscrutabile, ha a che fare continuamente con battaglie elettorali, con stragi terroristiche e con accuse infamanti. Tutto ciò fino a quando il contropotere più forte dell'Italia, la mafia, decide di dichiarargli guerra.

Altri utenti hanno acquistato anche:

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Il divo e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.3 di 5 su 10 recensioni)

4.0 Film di alto livello

La regia di Paolo Sorrentino e soprattutto la magistrale interpretazione di Toni Servillo rendono di alto livello tutto il film. La storia è raccontata in maniera molto interessante e descrive un personaggio controverso come Andreotti, che ha segnato la storia italiana dalla nascita della Repubblica fino agli anni Novanta. Il film mette in scena tutti i grandi misteri della Prima Repubblica, dal delitto Moro fino alle stragi di Mafia, passando per i delitti Dalla Chiesa, Calvi, Pecorella, ecc.
Consigliato, è un film assolutamente da vedere.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Un film sconvolgente

Che la si pensi in una maniera o nell'altra, è un film spettacolare, per la vicenda che tratta e la maniera in cui viene descritta. L'ascesa e la (mai avvenuta realmente) caduta di Giulio Andreotti, in una carrellata di minuziose decsrizioni, inquietanti e scomode amicizie, pericolose ingerenze e accuse spesso tutt'altro che infondate.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 Un capolavoro

Un film che mi tenne incollato nella sala cinematografica dall'inizio fino alla fine, come disse Andreotti "Guerre puniche a parte, mi hanno accusato di tutto ". Andreotti sarà stato senz'altro uno statista, uomo da una fine intelligenza, ma pur di raggiungere il potere non rinunciava ad allearsi con uomini di malaffare, di mafia. A carico suo ci sono tantissime accuse e perfino prove, la stessa Cassazione confermò la sua colpevolezza di essere colluso con la mafia, fino agli anni '80. Non fu arrestato perchè il reato cadde in prescrizione.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 Il divo

Un capolavoro di Paolo Sorrentino del 2008.
Come recita il sottotitolo, "La spettacolare vita di Giulio Andreotti", il film narra le vicende di uno dei politici italiani più discussi. Le vicende si alternano spesso dando allo spettatore il compito di capire i collegamenti tra i diversi eventi. Il tutto è accompagnato da un'ottima colonna sonora e ovviamente Toni Servillo è impeccabile!

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Un ottimo Servillo per un film da cineteca

Il film presenta con spregiudicatezza ed efficace cattiveria il "divo" per eccellenza della politica italiana, quel Giulio Andreotti sette volte Presidente del Consiglio su cui molto si è sospettato senza però mai andare oltre alla chiacchiera da bar. Sorrentino, invece, analizza bene il personaggio e ne dà una sua visione che, al di là della sua perfezione storica, rende l'Andreotti personaggio una pietra miliare del cinema italiano.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Il divo

Ottima biografia su uno dei politici più importanti in italia questo film riesce a raccontare la vita di Andreotti in modo molto chiaro non annoiando mai lo spettatore che resta piacevolmmente sorpreso da quello che il regista riesce a narrare su tutto quello che è accaduto e accade intorno alla figura di questo politico.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

3.0 BUON RISULTATO

Concordo con chi dice che questo film non va visto solo in relazione alla figura di Andreotti quanto piuttosto come uno sguardo alla politica attuale, al suo modo di porsi e a come viene vissuta da chi fa il politico, ecco che allora tutte gli aforismi che vengono pronunciati dal protagonista portano a una riflessione più generale.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 bellissimo

il film va visto non fosse altro per lo spaccato nella storia della prima repubblica. bellissimo, cast in piena sintonia. da vedere per farsi un'idea su come eravamo ache se qualcuno di saggio ha detto: tutto cambia affinchè nulla cambi........

Ritieni utile questa recensione? SI NO

5.0 IL DIVO GIULIO

Come fare un film sulla figura e la vita di Giulio Andreotti senza annoiare? A questo dilemma il regista campano Paolo Sorrentino ha dovuto trovare soluzione: Andreotti come metafora del potere politico italiano!
Ambientato negli anni che vanno dal'78 ai primi anni novanta, Servillo ripercorre tutti gli omicidi eccellenti in cui il senatore a vita Giulio Andreotti, detto anche "il Divo", viene accusato di esser coinvolto: l'omicidio Pecorelli, il sequestro Moro, la strage di Capaci, l'omicidio Lima e gli omicidi-suicidi dei due banchieri Calvi e Sindona. Un originale e graffiante ritratto di un uomo che impersonifica il potere in Italia da più di mezzo secolo. Un film d'autore, ottimo anche dal punto di vista tecnico, che non annoia e che tiene incollati alle sedie!
Stupefacente!

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 Conoscere la propria storia

Per chi come me è troppo giovane per ricordare i fatti svoltisi in quegli anni così difficili, ma così importanti per la nostra storia, Il Divo è sicuramente un film da vedere. Da vedere per capire perché oggi l’Italia è a questo punto, politicamente ed economicamente, dove ha origine la politica ‘all’italiana’ e dove nascono i problemi che oggi affrontiamo.
Paolo Sorrentino cerca di mostrarcelo descrivendo l’ultimo periodo di vita politica veramente attiva di Giulio Andreotti, personaggio controverso, potente e mai veramente cristallino. Così come il personaggio, anche il film è lento, complicato e senza soluzione. L’ho visto convinta di capire finalmente cosa fosse successo in quegli anni, di chi fossero le responsabilità: non lo so ancora. Sorrentino non fornisce la soluzione, perché la verità in realtà ancora non si conosce e forse mai si conoscerà. Ma proprio per questo è un film da vedere: per comprendere a fondo la confusione e le mistificazioni che circondavano quegli anni.
Magistrale la performance di Toni Servillo.

Ritieni utile questa recensione? SI NO