Cantando dietro i paraventi (2 Dvd)

Regia di Ermanno Olmi

Aggiungi al carrello
  • Prezzo: € 7.99
  • Prezzo scontato: € 6.90
  • Sconto: € 1.09 (14%)
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
4.0
Spedito normalmente in 2/3 giorni lavorativi

Dettagli del prodotto

Contenuto

Un giovane studente occidentale in Cina, a causa di un fraintendimento di indirizzo, viene condotto in un luogo fuori mano, in un teatrino-bordello per clientela in cerca di forti e trasgressive emozioni. Appena varcata la soglia del portoncino illuminato da una lanterna cinese, ecco che viene subito introdotto nella esplicita realtà delle libere seduzioni. Allo sconcerto iniziale magicamente si sovrappone l'incanto della rappresentazione, fino a suscitare suggestioni e abbandoni da confondersi con il sogno. Si narra la storia di una celebre donna pirata, la vedova Ching, il cui marito fu Ammiraglio di una potente flotta di pirati. L'Imperatore lo nominò Capo Supremo dei Reali Corsari in cambio della sua sottomissione al governo. Ma i grossi interessi economici nascosti dietro la pirateria fanno sì che l'Ammiraglio venga punito per la sua conversione alla legalità e assassinato. La vedova in cerca di vendetta diviene ancora più spregiudicata negli assalti, diventando un personaggio scomodo.

Comprali insieme:

Gli utenti che comprano Cantando dietro i paraventi (2 Dvd) acquistano anche Veneto anno zero di Renzo Mazzaro € 15.30
Cantando dietro i paraventi (2 Dvd)
aggiungi
Veneto anno zero
aggiungi
€ 22.20

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0 I Pirati secondo Olmi

La storia (vera) di una celebre donna pirata, la vedova Ching, durante il periodo della Cina imperiale (1797), raccontata da un attore nelle vesti di un capitano (Spencer). La vedova, per vendicare l'uccisione del proprio marito, convince la propria ciurma a dedicarsi a saccheggi e abbordaggi: impavida assalta le navi sotto protezione imperiale. L'ammiraglio della flotta imperiale riceve l'incarico di eliminare l'oltraggiosa piratessa.
Ermanno Olmi si immerge in una storia tra Salgari, Conrad e Omero (ispirata a un racconto di Borges) e la racconta passando dal palcoscenico di un piccolo teatro dove una compagnia mette in scena le avventure di pirati (finzione?) ai luoghi reali del racconto (o sognati?) nei mari cinesi.
Tenero, fiabesco. Bellissimo.

Ritieni utile questa recensione? SI NO