Burn After Reading. A prova di spia (Blu-ray)

Regia di Joel Coen, Ethan Coen

  • Prezzo: € 14.99
Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
Voto medio del prodotto:
3.5
Prodotto non disponibile

Dettagli del prodotto

Contenuto

L'analista Osborne Cox viene inaspettatamente estromesso dalla CIA. Cox non prende troppo bene la notizia e tornato a casa si dedica alle sue memorie e all'alcol. Quando un dischetto contenente del materiale scottante relativo alle memorie dell'analista della CIA finisce per caso nelle mani di un dipendente di una palestra, le cose si complicano parecchio e sfuggono al controllo di tutti, producendo una serie di oscuri incontri.

Altri utenti hanno acquistato anche:

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 3 recensioni)

4.0 Da vedere

I Coen sono sempre bravissimi. Dopo "Non è un paese per vecchi" si dedicano a una commedia dai toni più rilassati. L'intreccio è avvincente. La commedia e il thriller si mescolano e ne risulta un film che scorre velocemente, diverte e non manca neanche di suspense.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

3.0 Burn After Reading. A prova di spia

Film tipicamente "coeniano": situazioni surreali, insensate, divertenti e tragiche allo stesso momento. Bravi Malkovich, Clooney, Pitt e la Swinton. Forse non è all'altezza dei precedenti (e successivi) film dei due fratelli, tuttavia è un film leggero e piacevole.

Ritieni utile questa recensione? SI NO

4.0 A prova di stupidità.

Ritornano i fratelli Ethan e Joel Coen con un nuovo piccolo grande film, un altro ritratto al vetriolo dell'ottusità e della stoltezza umana, un ritratto dove nessuno è destinato a salvarsi perché nessuno ne è degno.
Una prova di intelligente divertimento. I sorrisi che scaturiscono nel corso della visione sono destinati a rimanere spesso gelati di fronte a un mondo dominato dalla stupidità e dall'inettitudine.
L'assurdo domina incontrastato e investe tutti, dai dirigenti della CIA ai semplici impiegati di una palestra e porta velocemente, e senza alcuna ragione valida, a una mattanza che sfiora quelle di "Fargo" e di "Non è un paese per vecchi", rispetto ai quali ci appare ancora più insensata, appunto per il tono "leggero" che attraversa tutta la pellicola.

Ritieni utile questa recensione? SI NO