Amici miei

    Amici miei

    Regia di Mario Monicelli

    • Prezzo: € 14.99
    Spedizione a 1€ sopra i 24 euro! (Scopri come)
    Voto medio del prodotto:
    5.0
    Prodotto non disponibile

    Dettagli del prodotto

    Contenuto

    Cinque amici sui cinquant'anni si ritrovano periodicamente per organizzare beffe in grado di allontanare lo spettro della vecchiaia e della morte. Il film ha avuto vari seguiti.

    Comprali insieme:

    Gli utenti che comprano Amici miei acquistano anche Notte al museo 3. Il segreto del faraone Regia di Shawn Levy € 14.99
    Amici miei
    aggiungi
    Notte al museo 3. Il segreto del faraone
    aggiungi
    € 29.98

    Prodotti correlati:

    Altri utenti hanno acquistato anche:

    Recensioni degli utenti

    Scrivi una nuova recensione su Amici miei e condividi la tua opinione con altri utenti.

    Voto medio del prodotto:  5.0 (5 di 5 su 2 recensioni)

    4.0 Drammatico

    Il film è una commedia cult degli anni '70, e lo è diventato a ragione: è bello, divertente e molto malinconico. Le zingarate del gruppetto di amici vanno oltre le azioni diepsttose in sè: sono la manifestazione di un disagio esistenziale profondo e di un profondo senso di solitudine. Visto in quest'ottica il film passa da commedia a dramma. Bello

    5.0 Monicelli ci manchi tanto

    Film così non se ne fanno più. Originale, grottesco, divertentissimo, ironico. Permeato da un'aura di libertà, che sfocia nelle "zingarate" è un circo di gag esilaranti, molte entrate nel mito, come la famosa "supercazzola" di Tognazzi, sinonimo di qualcosa che non vuol significare niente. Almeno una volta nella vita dovrebbero vederlo tutti, per capire chi è Monicelli, e come si fa a far ridere.

    4.0 L'arma dell'ironia

    Questa è Commedia, la vera commedia italiana. Genuina, nostrana, recitata alla grande, volgare quanto basta e solo quando serve. Capace di divertire grazie allo strabiliante magnetismo dei personaggi, in grado di far riflettere senza cadere nel retorico o nel noioso. Ovviamente siamo di fronte ad un cast d'eccezione: Del Prete, Noiret, Moschin, Celi e l'intramontabile Tognazzi. I cinque amici che a cinquant'anni suonati ancora si divertono come ragazzini. Non credo ci sia bisogno di raccontare la trama o di focalizzarsi sulle scene più esilaranti (chi non ha mai visto la scena del treno, in cui i malcapitati viaggiatori in partenza con la testa fuori dal finestrino vengono schiaffeggiati al volo uno dietro l'altro? Chi non conosce la supercazzola? ) . Giusto per fare un quadro della situazione, i quattro (il quinto, "il Sassaroli" si aggiungerà durante il film) sono soliti ritrovarsi ogni tanto per le loro "zingarate", un periodo più o meno lungo in cui staccano la spina e se ne vanno a zonzo burlandosi di tutti quelli che gli capitano a tiro. "il Perozzi" la voce narrante che ci introduce nella storia, convocando il gruppo perché stanco della solita routine. Uno per volta ogni personaggio viene presentato. Ne risulta una descrizione completa dei protagonisti, con i quali si condivide immediatamente il fare goliardico e la sfrontatezza. Un gruppo unito, nel bene e nel male, che rivendica costantemente l'amicizia, su cui si può sempre contare anche quando non è rimasto più niente a cui attaccarsi. Ma non è solo il valore dell'amicizia ad essere al centro del film, ma anche e soprattutto l'importanza dell'ironia, il suo ruolo fondamentale nella vita. L'ironia che ci permette di sopravvivere nella quotidianità grigia e monotona che lentamente ci divora e ci condanna all'atavismo. Ed è con l'ironia che si può affrontare ogni situazione, anche la più dolorosa. Nel rapporto tra Perozzi e suo figlio è evidentissimo il contrasto di personalità: il primo allegro e spensierato che prende la vita come viene, il secondo ligio al dovere e perennemente serio, austero. Due mentalità agli antipodi che condannano il povero Perozzi ad essere una nullità e non venire rimpianto nemmeno in punto di morte se non da un pugno di persone, mentre al figlio spetteranno onori per i sacrifici compiuti in nome del dovere e della serietà professionale (e non) . Una comicità con retrogusto drammatico, malinconico, in linea con le (dis) illusioni dell'Italia degli anni '70. Il finale riassume l'essenza del film, momento drammatico che bastona le belle speranze e la spensieratezza ma che viene affrontato con ironia, quella che, citando Enrique Vila-Matas, è "la più alta forma di sincerità".

    5.0 Amici miei

    Questo film così geniale è un capolavoro del cinema italiano tra il comico e il tragico, film eccezionale fantastico e divertentissimo non si riesce a smettere di ridere e sorridere difronte alle incredibili scene alle quali assistiamo, gli attori sono dei grandissimi maestri del cinema.

    4.0 DUPLICATO (user:848230) Amici miei

    Una commedia assolutamente fantastica! 4 amici (anzi 5... ) che si divertono a combinare scherzi e guai per passare il tempo e la noia, un film passato alla storia vi farà divertire tantissimo! Lo consiglio per farsi sue risate e passare allegramente il tempo!

    4.0 Il primo grande film, ma non il migliore

    Commedia irresistibile che è come il vino buono, passa il tempo e diventa sempre meglio.
    Uno scorcio di Firenze che non c'è più, quasi un documentario su quello spirito fiorentino che è andato perso negli ultimi trent'anni.
    Un grande film ma che, secondo me, non è il migliore della trilogia: il migliore è il secondo.

    4.0 Amici miei

    Una commedia assolutamente fantastica! 4 amici (anzi 5...) che si divertono a combinare scherzi e guai per passare il tempo e la noia, un film passato alla storia vi farà divertire tantissimo! Lo consiglio per farsi sue risate e passare allegramente il tempo!

    4.0 Amici miei!

    L'amicizia indissolubile di cinque uomini, molto distanti umanamente, economicamente e socialmente ma che li vede condividere goliardiche avventure: segnale che le piccolezze umane non hanno confini sociali. Il valore dell'amicizia viene messo molto in risalto, realtà molto difficile da trovare ai giorni nostri.

    3.0 Amici miei!

    L'amicizia indissolubile di cinque uomini, molto distanti umanamente, economicamente e socialmente ma che li vede condividere goliardiche avventure: segnale che le piccolezze umane non hanno confini sociali. Il valore dell'amicizia viene messo molto in risalto, realtà molto difficile da trovare ai giorni nostri.

    5.0 Amici miei

    Un film imprescindibile, che diverte sempre, che fa ridere, sognare e intristire chiunque lo veda. Cinque uomini di mezza età, tutti - per un verso o per un altro - dei falliti, che ritrovano fonte di divertimento e di vitalità in esilaranti ragazzate, su cui spicca la supercazzola, specialità in cui eccelle l'ottimo Ugo Tognazzi!

    product